Disgrazia sul Cjampon

E' accaduto ieri mattina, 15 luglio 2007, sul Monte Cjampon di Gemona

Precipita dal Cjampon, muore orefice di Buja
Luigi Celotti aveva 54 anni: scivolato mentre si allenava facendo trekking su un sentiero

 Stava percorrendo il sentiero che dalla cima del monte Cjampon scende alla forcella Foredor, ieri mattina verso le 9, quando scivolato, precipitando per una cinquantina di metri finendo in un ghiaione. Luigino Celotti, gioielliere 54enne residente a Buja, morto sul colpo e causa dei gravissimi traumi riportati nella caduta.

 Era uscito di casa verso le 7 per andare ad allenarsi, come era solito fare alla domenica. Luigino Celotti, dopo aver raggiunto la cima del monte (a quota 1.709 metri), stava percorrendo la via del ritorno, a casa lo attendevano per le 10. Probabilmente inciampato lungo il sentiero ripido  ed scivolato  per alcuni metri  sul pendio erboso, poi precipitato  per una cinquantina di metri  attraverso una gola ed finito in un ghiaione.

 Sono stati alcuni escursionisti che percorrevano lo stesso sentiero, poco dopo, a notare il corpo dell'uomo  e ad allertare la centrale operativa  del 118. In azione i volontari del Corpo Nazionale del soccorso alpino di Gemona che si sono recati sul posto con l'elisoccorso. Vista la difficolt a raggiungere il luogo piuttosto impervio, infatti, l'equipe medica e quella dei tecnici del soccorso alpino sono state trasportate  in quota dall'elicottero. Quindi sono intervenuti i militari della Guardia di Finanza di Tolmezzo. Una squadra di sette uomini stata calata con il verricello a quota 1300 metri, dove Luigi Celotti giaceva ormai privo di vita.. Imbragato e  issato sull'elicottero della protezione civile, il corpo dell'uomo stato trasferito all'obitorio dell'Ospedale di Gemona.

  Difficile l'intervento di recupero, al quale hanno partecipato i volontari del soccorso alpino, i militari della Guardia di Finanza e l'equipe medica: sono rimasti impegnati fino alla 12.40 e hanno dovuto ricorrere a sofisticate tecniche alpinistiche per operare in una zona difficile da raggiungere. Ad occuparsi dei rilievi sono stati i carabinieri di Tolmezzo.

(foto e testo ricavati dal Messaggero Veneto del 16 lugio 2007)